Cattedra UNESCO

 
 
La Cattedra UNESCO
 
La Cattedra UNESCO focalizza l'attenzione sull’approccio intersettoriale alla sicurezza, tematica emergente e trasversale, che rappresenta un innovativo ed efficace "strumento di conoscenza" per la definizione e l'attuazione di strategie globali e multidisciplinari di riduzione del rischio di catastrofi.
La sicurezza intersettoriale si concentra sull'impatto di molteplici pericoli sull'ambiente edificato e conduce studi in caso di calamità per fornire basi tecniche che migliorano le conoscenze, le capacità e le pratiche per affrontare tutte le fasi del ciclo di gestione delle catastrofi. L'obiettivo è definire strategie di aggiornamento della sicurezza efficaci, integrate e complete al fine di implementare la riduzione del rischio di catastrofi come parte fondamentale dello sviluppo sostenibile; in particolare con riferimento a edifici, sistemi infrastrutturali, strutture critiche e beni del patrimonio culturale.
La Cattedra svolge un ruolo importante nel promuovere la collaborazione all'interno della rete di partner, fungendo da "think-tank" per la creazione di strumenti di supporto strategico e tecnico ai responsabili delle decisioni in materia di riduzione del rischio di disastri.
In linea con il Framework Sendai per la riduzione dei rischi di catastrofi 2015-2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile, la Cattedra adotta un approccio multi-rischio, fornendo competenze specifiche in materia di gestione dei rischi di disastro.
 
Il prof. Stefano Grimaz (al centro), titolare della Cattedra, ad un meeting organizzativo presso il quartier generale UNESCO, con il dott. Soichiro Yasukawa (a sinistra) e con il dott. Fukui Takeo (a destra) della sezione Earth Sciences for Society Disaster Risk Reduction.
 
Perché una Cattedra sulla Sicurezza Intersettoriale per la DRR e la resilienza
 
Recenti terremoti, inondazioni, trombe d'aria, incendi, frane e altre calamità mettono in evidenza che i pericoli naturali, tecnologici e causati dall'uomo hanno un costo elevato per le comunità e si prevede che la loro frequenza e intensità aumenteranno con il cambiamento climatico. Le perdite umane, sociali, ambientali ed economiche possono essere ridotte gestendo meglio i rischi di catastrofi. La vulnerabilità fisica dell'ambiente costruito gioca un ruolo importante nelle conseguenze disastrose indotte; tuttavia, il problema deve essere affrontato e gestito tenendo conto anche della sua interazione con le dimensioni culturali e socio-economiche del rischio.
Le mutue interazioni tra i diversi pericoli richiedono un approccio olistico alla sicurezza che considera contemporaneamente diversi rischi e dimensioni. Un approccio intersettoriale alla valutazione e alla gestione della sicurezza, quindi, svolge un ruolo fondamentale nel guidare gli sforzi di riduzione del rischio come parte fondamentale dello sviluppo sostenibile.
Ciò è particolarmente evidente nel settore dell'istruzione, in cui i tre pilastri della sicurezza scolastica (strutture scolastiche sicure, gestione delle emergenze e educazione alla resilienza) definiscono un approccio globale e multirischio.
Il concetto di resilienza è un buon ombrello per il paradigma di sicurezza multirischio e intersettoriale in quanto mira al benessere a lungo termine di individui, famiglie, comunità e società. Un approccio intersettoriale alla sicurezza consente una pianificazione mirata e la definizione di strategie di gestione proattive e post-trauma, rafforzando la capacità di recupero delle catastrofi e migliorando la capacità di una comunità di mantenere e ripristinare i servizi vitali in un modo più tempestivo.
 
Come lavora la Cattedra
 
La Cattedra UNESCO lavora per introdurre e promuovere la "Sicurezza intersettoriale" come approccio olistico innovativo per la riduzione del rischio di catastrofi e la resilienza, in tutte le fasi del ciclo di gestione del rischio di catastrofi, dalla prevenzione, mitigazione e preparazione alla risposta e al recupero. L’attività di ricerca della Cattedra si concentra sugli elementi chiave per la sicurezza per la protezione dell'ambiente costruito e dei beni del patrimonio culturale e, in particolare, sulla valutazione e gestione della sicurezza in un’ottica multirischio, tenendo conto delle mutue interazioni tra le dimensioni tecniche, culturali, sociali ed economiche del disastro rischio.
L'obiettivo principale è la definizione di un processo integrato di insegnamento,  studio e ricerca che coinvolge nuove generazioni, diverse discipline e che contempla diverse prospettive d’analisi. Il fine è migliorare la consapevolezza e rafforzere le capacità di esperti e decisori nello sviluppo di strategie e nella progettazione di azioni per la riduzione del rischio di catastrofi, tenendo conto delle dimensioni sociale, economica e culturale dei disastri, insieme agli aspetti tecnici.
 
 
Perché Udine, perché SPRINT
 
L'Università di Udine è stata fondata nel 1978 come parte del piano di ricostruzione del Friuli dopo il devastante terremoto del 1976. Proprio per queste origini, l'Università di Udine ha sviluppato sin dalla sua fondazione attività di ricerca e programmi nel settore della difesa da eventi disastrosi. Con l’istituzione del laboratorio SPRINT in Sicurezza e protezione intersettoriale, ricercatori dell’Università di Udine hanno introdotto l’innovativo approccio intersettoriale alla sicurezza che ha già portato alla definizione di nuove metodologie valutative e di supporto alle decisioni (metodologia VISUS) che hanno già visto importanti applicazioni da parte dell’UNESCO nel settore della sicurezza delle scuole in ambito internazionale.